News

Calendario sessioni ordinarie di discussione elaborati finali

In allegato il calendario sessioni ordinarie di discussione elaborati finali.

Leggi tutto...

Seguici...

FacebookTwitter

Login Form

Home

Master

Master

Master di II livello inMigrazioni. Politiche, servizi sociali e buone pratiche

Il calendario delle lezioni

Le lezioni ricominceranno il 10 gennaio 2013, alle 9.30, e si terranno nell’aula Multimediale del Dipartimento di Linguistica dell’Unical – Cubo 20B – Secondo Piano.

(Per raggiungere il Cubo 20B bisogna percorrere il ponte coperto dell’Università: è il penultimo prima delle scale che portano al Bar “Conca d’oro”. L’aula Multimediale è al livello del ponte)

I modulo

II modulo

III modulo

IV modulo

V modulo

VI modulo

VII modulo

VIII modulo

IX modulo

X modulo

XI modulo

Il materiale didattico è disponibile nella sezione Documenti del Blog

Il master di II livello in “Migrazioni. Politiche, servizi sociali e buone pratiche” colloca l’analisi delle migrazioni all’interno di un metodo di indagine interdisciplinare.
L’analisi storica, politica, sociologica e giuridica dei processi migratori, ed un’attenzione agli aspetti psicologici, interculturali e identitari che contraddistinguono l’esperienza migratoria, vuole fornire ai corsisti una comprensione d’insieme e onnilaterale di un fenomeno strutturale. L’immigrazione invece di figurare come un’esperienza subita dai paesi di arrivo, rivela le istanze di emancipazione sociale delle popolazioni migranti; produce forme di innovazione sociale e di sviluppo; innesca dinamiche di trasformazione nel tessuto sociale e civile. Tali processi richiedono un cambiamento nei modi di agire delle istituzioni; una ricorrente elaborazione di pratiche, politiche e azioni; un continuo potenziamento e aggiornamento di conoscenze e di competenze professionali.
Il percorso di formazione del master intende rispondere a queste esigenze adottando una logica formativa e di intervento che prevede momenti di didattica frontale e di didattica interattiva; forum di discussione e seminari; sessioni tematiche tenute da esperti ed operatori impegnati sul campo ed esponenti dell’associazionismo tra migranti.

L’analisi dell’assetto normativo nazionale, europeo ed internazionale su migranti, richiedenti asilo e rifugiati; il confronto tra le amministrazioni regionali e le istituzioni locali impegnate nell’elaborazione di strumenti, di linee programmatiche e di intervento innovative sul piano dei processi di inclusione sociale di migranti e rifugiati; il raffronto tra le diverse esperienze di prima accoglienza e di integrazione sociale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati del Ministero dell’Interno; i momenti di scambio tra le diverse esperienze di promozione culturale, accoglienza, orientamento, ed integrazione sociale intraprese da esponenti del terzo settore, organizzazioni umanitarie, osservatori e centri di documentazione quali la Caritas, il Centro Servizi per il Volontariato, il Consiglio Italiano per i Rifugiati, Save the Children e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite (UNHCR), avviene con la finalità sia di evidenziare i percorsi di inclusione/esclusione sociale di un’accoglienza locale che risente delle logiche di governo dei flussi migratori; sia di aprire uno spazio di discussione sugli strumenti giuridici e le strategie di intervento che potrebbero delineare aperture di dialogo interculturale.

L’attività didattica si avvale di docenti della facoltà di Scienze Politiche e di Economia dell’Università della Calabria. Ai docenti dell’UNICAL si aggiungono storici, sociologi, politologi provenienti da altre università italiane e centri di ricerca tra cui l’Università La Sapienza di Roma; l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; l’Università di Milano Bicocca; l’Università degli studi di Milano; l’Università di Palermo, l’Università degli Studi di Torino; l’Istituto Italiano di Scienze Umane (SUM) di Firenze; il Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull’Immigrazione.
Al fine di delineare momenti di confronto sui temi del master tra paesi di nuova e vecchia immigrazione/emigrazione, l’attività didattica prevede il coinvolgimento di docenti provenienti da università, istituti di ricerca e di formazione europei tra cui l’Haute école de travail social de la Suisse Occidentale di Ginevra; l’Institut Social Lille Vauban de l’Université Chatolique de Lille; la Faculté des Sciences économiques, sociales et politiques des Facultés Universitaires Saint-Louis (Bruxelles); la Faculty of Philosophy and Social-Political Sciences dell’Universitatea “Alexandru Ioan Cuza” (Romania); l’Institut du Développement Social (IDS) di Rouen (Francia); l’Universidad de Jaén (Spagna).
Le attività di docenza e le ore di laboratorio prevedono la partecipazione di esperti e dirigenti amministrativi di istituzioni pubbliche (questure, prefetture, aziende socio-sanitarie); dei rappresentati dell’UNHCR; dello SPRAR (Servizio Centrale del Sistema di Protezione per richiedenti asilo e rifugiati) e dei progetti dello stesso; dell’UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Ministero Pari Opportunità; del Dipartimento immigrazione e asilo dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani); del CIR (Consiglio Italiano per i Rifugiati); della Caritas; di Save the Children; del Centro Servizi per il Volontariato (CSV); dell’ARCI, di rappresentanti del volontariato laico e cattolico; di osservatori e di associazioni anti-razziste.
L’obiettivo della formazione è quello di fornire un nuovo, alto, profilo di esperto in materia di migrazioni e relazioni interculturali destinato a operare con funzioni di orientamento, progettazione, ricerca e intervento sia nella pubblica amministrazione, sia nel terzo settore. I destinatari del master sono:
· funzionari e operatori nel settore pubblico (dal settore della pubblica amministrazione a quello dell’assistenza sociale e del sistema socio-sanitario);
· operatori di organizzazioni non governative; di associazioni e di cooperative sociali e componenti di gruppi di ricerca-azione;
· operatori del diritto e del sistema giudiziario (avvocati, operatori della sicurezza e delle carceri, delle strutture di accoglienza, dei centri per rifugiati e richiedenti asilo) che intendano affrontare le problematiche sociali che pone l’immigrazione; insegnanti e personale inserito nel mondo educativo, formatori (pedagogisti, educatori, animatori, esperti in progettazione) che vogliano acquisire conoscenze utili ad affrontare il pluralismo culturale; · studenti che hanno completato una laurea specialistica e intendono acquisire competenze specifiche sulle tematiche dell’immigrazione e delle relazioni interculturali.

Master 1 Master 2

 Master 3  Master 4

AddThis Social Bookmark Button